Attentato in Sri Lanka, 6 esplosioni in chiese e alberghi: «Almeno 138 morti, 9 sono stranieri»

Pasqua di sangue nello Sri Lanka. Alle 9 del mattino circa (ora locale), si sono verificate una serie di esplosioni simultanee. Al momento i dati delle vittime sono provvisori, ma il bilancio è già pesantissimo (138 morti, 400 feriti).

Annunci

Una delle esplosioni si è verificata nella chiesa di Sant’Antonio, a Colombo. Sempre nella capitale, sono stati presi di mira gli hotel: il Cinnamon Hotel, lo Shangri-La Hotel e il Kingsbury Hotel, luoghi frequentati da turisti europei, americani e asiatici. Nella sola chiesa di San Sebastiano a Negombo sono morte oltre 50 persone, secondo quanto indicato alla Reuters da fonti di polizia.

Il ministro dell’ economia su Twitter invita a restare a casa: “Per favore restate in casa. Ci sono molte vittime, inclusi stranieri”.

L’ 11 aprile scorso, il capo della polizia, Pujuth Jayasundara, aveva fatto diramare un allarme dell’ intelligence ai più alti ufficiali, dichiarando che alcuni kamikaze pianificavano di colpire delle “chiese importanti”. “Un’agenzia di intelligence straniera ha riferito che l’NTJ (National Thowheeth Jama’ath) sta pianificando di compiere attacchi suicidi contro chiese di spicco come pure l’alta commissione indiana a Colombo”, si legge nel messaggio. L’NTJ è un gruppo radicale musulmano in Sri Lanka, legato alla vandalizzazione delle statue buddiste.

About Annamaria Iannelli 1835 Articles
Annamaria Iannelli nasce a Trani il 14/09/1995. Nel 2018, all'età di soli 22 anni, si laurea in lingue e culture moderne per il turismo presso l'Università di Bari Aldo Moro, le sue lingue di studio: portoghese, francese e tedesco. Da diversi anni coltiva la passione per il giornalismo, nel suo tempo libero ama viaggiare, scrivere.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*