Avvocati della famiglia Ciontoli: “Non vivono più, costretti a cambiare città”

Pietro Messina, uno dei legali della famiglia Ciontoli ha dichiarato che la famiglia sarà costretta a cambiare città: “La famiglia di Antonio Ciontoli non può piu rimanere a vivere nel loro luogo attuale. Non vivono più, quindi è una pena diciamo, che non è prevista dal codice, una pena aggiuntiva”.

Annunci

Dopo la sentenza del 29 gennaio scorso, Martina Ciontoli ha perso due volte il posto di lavoro, perché seguita, pedinata, cosi’ i datori di lavoro hanno pensato di sbarazzarsene.

Nel frattempo, nell’ indagine ci sono nuove rivelazioni. ll presunto testimone, sostiene che Federico Ciontoli sarebbe stato  ad aprire il fuoco, non suo padre Antonio. Vannicola sostiene di avere appreso ciò da una confidenza fattagli dall’amico Roberto Izzo, ex comandante dei carabinieri di Ladispoli e testimone al processo. Il ragazzo si è difeso: “Io penso che le intercettazioni siano estremamente chiare su questo, quindi…non c’è bisogno che io dica altro. Sono tantissime le cose che sono sufficienti per spiegare dov’è la verità. Perché il testimone dice queste cose? Non so perché, non conosco proprio i dettagli di questa cosa. Vedrò anche col mio avvocato perché abbia interesse nel dire questa cosa. E’ normale che qualcuno possa avere dei dubbi, però su questa cosa del chi ha sparato mi sembra assurdo che si continui a specularci sopra perché non ci sono possibilità di poter speculare su questa cosa, quindi i dubbi sono assurdi”.

About Annamaria Iannelli 1648 Articles
Annamaria Iannelli nasce a Trani il 14/09/1995. Nel 2018, all'età di soli 22 anni, si laurea in lingue e culture moderne per il turismo presso l'Università di Bari Aldo Moro, le sue lingue di studio: portoghese, francese e tedesco. Da diversi anni coltiva la passione per il giornalismo, nel suo tempo libero ama viaggiare, scrivere.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*