Ed Sheeran: guarda qui il nuovo video “Cross Me”

“Cross Me” è il  nuovo singolo di Ed Sheeran, incluso nell’album “No. 6 Collaborations Project” ed ha già conquistato il disco d’oro in Italia. Il disco vede la partecipazione tra gli altri anche di Camila Cabello, Cardi B, Eminem, 50 cent e Bruno Mars ed è il successore del progetto “No.5 Collaborations Project” uscito ben otto anni fa.

Annunci

Sono oltre 23 milioni le visualizzazioni del lyric video di “Cross Me”, brano di Ed Sheeran con la collaborazione di Chance The Rapper & PnB Rock. La canzone fa parte di “No. 6 Collaborations Project”, il nuovo album del cantautore britannico che uscirà il 12 luglio. Il grande successo ottenuto da “Cross Me” ha spinto la casa discografica a pubblicare un video ufficiale del brano che è di fatto il secondo singolo estratto dall’album dopo “I Don’t Care” che vede la collaborazione di Justin Bieber. Il video è stato realizzato con un’animazione 3D e vede protagonista una ballerina che al centro della scena inizia a danzare e a prendere le sembianze di Ed Sheeran, Chance The Rapper & PnB Rock. La protagonista indossa una tuta nera e un caschetto per la motion capture che permettono alla regia di poter adattare ogni tipo di scenario e personaggio alla scena. Diretto da Ryan Staake il video dà grande spazio all’animazione e regala immagini super tecnologiche all’avanguardia con i tre artisti digitalizzati che appaiono improvvisamente prima di trasformarsi in una grafica in movimento. Le scene finali del video vedono la ballerina concludere il suo lavoro, togliersi la tuta e tornare a casa ma gli effetti 3D continuano a comparire sul suo volto. Tornata a casa, si siede sul divano e velocemente assume prima le sembianze di Ed Sheeran, Chance The Rapper & Pnb e poi di un essere digitale animato.

Questo il commento di Ed Sheeran sul suo nuovo progetto: «Sono un grandissimo fan di tutti gli artisti con cui ho lavorato. Alcuni li seguo dall’inizio della loro carriera, di altri ascolto i loro album in ripetizione. Sono tutti artisti che sono di grande ispirazione per me e ognuno ha aggiunto qualcosa di speciale ad ogni brano. Ognuno di questi artisti è entrato nel progetto in maniera molto naturale e spontanea: l’ultima cosa che volevo era quella di suscitare obblighi o sentirmi in dovere. La mia regola è stata: se ascolto la sua musica in macchina, allora ci collaborerò».

L’artista britannico è reduce dai tre concerti a Firenze, Roma e Milano. Nell’ultima tappa italiana allo stadio San Siro ha ricordato la sua prima volta live nella città nel 2012. Si trattava di uno showcase dove erano presenti una decina di persone.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*