Gossip News moda: Maison Valentino Haute Couture.

Ha lasciato senza fiato la sfilata di Maison Valentino durante la settimana dell’haute couture a Parigi. Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison, ha voluto fare un tributo alla storia dell’alta moda, oltre che alle origini della maison Romana fondata da Valentino Garavani nel 1957. Partendo dalle origini, si è ispirato a Lady Duff-Gordon, costumista di teatro e fondatrice della casa di moda Lucile, che trasformò abiti da cocktail e da pomeriggio in incredibili abiti da sera. Hanno sfilato in passerella abiti vaporosi e appariscenti, Piccioli è però riuscito a togliere crinoline e costruzioni, il tutto si regge da sé, in modo naturale. Molte rifiniture sono volutamente lasciate incompiute, inoltre ogni abito porta il nome del sarto o della sarta che l’ha realizzato: ecco che spuntano “Antonietta”, “Irene”, “Rocco” o “Sergio”. Seduto in prima fila alla sfilata, ad applaudire con orgoglio, Valentino Garavani, accanto a Donatella Versace. Pierpaolo Piccioli ha affermato riguardo allo show : “La cosa strana è che quando ti trovi davanti queste creazioni, non sono mai come te le sei immaginate. Bene, io non ne ho fatto una copia ma ho provato a riprodurre la mia personale immagine di loro, la suggestione di questi capolavori. Di più: passando molto tempo in Atelier, mi sono reso conto che il momento più bello è un attimo pprima che l’abito diventi perfetto, ovvero quando fiocchi, ruches e abbellimenti sono ancora imperfetti. Io li ho lasciati esattamente così. Il futuro dell’alta moda per me è nelle sue origini. È proprio il suo essere fuori dal tempo a darle profondità e un nuovo significato. Sono poi orgoglioso di poterle dare finalmente i nomi delle persone che hanno contribuito a realizzarla. Mi riempie di speranza sapere di alimentare l’Atelier Valentino, una bottega dell’arte, in un’epoca tecnologica e virtuale come la nostra. Mi piace pensare a questi abiti come a una luce che illumina non solo chi li indosserà ma più in generale chi li guarderà.”

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*