Jovanotti: ascolta e guarda qui il remix di “Affermativo” con Takagi & Ketra

Il duo ha proposto il “trattamento” a Lorenzo e lui ne è rimasto entusiasta: “Il loro sound e la mia canzone sono un bel match, e l’effetto mi ha convinto subito”.

Annunci

“Non ho mai pensato che Affermativo potesse essere un singolo, anche se è una delle canzoni più urgenti dell’album e una delle mie preferite; ma le cose a volte si mettono in fila con un senso che stupisce, e i segni vanno seguiti”, ha scritto Jovanotti, parlando di una delle tracce di Oh, Vita, che effettivamente diventerà un singolo dopo il “trattamento” del duo Takagi & Ketra.

Dopo il successo de «Le canzoni», ai vertici di tutte le classifiche radiofoniche, questo nuovo singolo non era stato previsto. Jovanotti incontra Takagi e Ketra nel corso delle serate al Jova Pop Shop, il negozio “temporaneo” di Milano, e solo poco tempo fa i due produttori gli inviano il remix del brano, per magari essere postato in rete. Ma Lorenzo ne è rimasto subito colpito: «Quando l’ho sentito, mi è piaciuto moltissimo e ho avuto il desidero di mandarlo anche alle radio, di farlo uscire come singolo. Loro sono bravissimi e hanno nelle mani il sound di questo passaggio di tempo come nessun altro in Italia. Il loro sound e la mia canzone sono un bel match, e l’effetto mi ha convinto subito» racconta Lorenzo.

Insomma, un’iniziativa spontanea, che però è stata molto apprezzata Jovanotti. “Quando l’ho sentito mi è piaciuto moltissimo e ho avuto il desidero di mandarlo anche alle radio, di farlo uscire come singolo immediatamente. Loro sono bravissimi e hanno nelle mani il sound di questo passaggio di tempo come nessun altro in Italia. Il loro sound e la mia canzone sono un bel match, e l’effetto mi ha convinto subito”.

L’iniziativa è importante anche per il significato della canzone.”Mi piacerebbe sentire Affermativo passare anche in FM in questa estate 2018″, ha aggiunto Lorenzo. “Ma soprattutto mi piacerebbe che si smettesse di usare la grande questione della migrazione come strumento di propaganda e si pensasse, prima di tutto, che si parla di persone. Mi piacerebbe ma forse non succederà, nonostante le persone continueranno a fare di tutto per andare a cercare fortuna dove sperano sia più possibile averne accesso”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*