#iorestoacasa con le slippers gioiello de Le Gabrielle

Le Gabrielle Shoes - Gossip News Italia

Avere cura del proprio stile anche in questo momento può essere un piccolo aiuto per farci salire l’umore. Facciamo finta che al mattino, dopo la doccia e la colazione, dobbiamo prepararci per andare in ufficio. E allora cosa indosseremmo?

Cosa c’è di più comodo delle slippers? Indispensabili per i look comfy chic. Perché non è detto che anche a casa non possiamo adottare piccole regole di forma che ci facciano stare bene e che ci diano anche quel pizzico di self confidence che non fa mai male.

Lo smart working senza abbruttirsi è possibile. Non dobbiamo assolutamente rischiare di allontanarci da noi stesse in questo momento difficile.

Vietato dunque lasciarsi andare

Facciamo la nostra dichiarazione d’amore verso noi stesse, e abbandoniamoci alle nuove abitudini e alle variazioni che la contingenza ci richiede.

I modelli di slippers realizzati dalla Maison lecchese Le Gabrielle sono talmente irresistibili che creeranno una vera e propria dipendenza.  In morbida pelle oppure in pelo sono tutte accomunate dal tocco artistico dei dipinti a mano.

Le mules Le Gabrielle diventano così alleate di stile e si aggiudicano la medaglia d’oro di protagoniste.

Il brand di sandali e zoccoli artigianali Le Gabrielle nasce dalla creatività di Gabriella Sala. 

Partendo dalle tradizioni locali della sua terra, la Brianza, Gabriella Sala riscopre e reinventa le calzature utilizzate dai contadini locali, e crea modelli unici nei quali fonde l’arte, la creatività, l’unicità di un’artigianalità d’eccellenza e l’alta qualità di preziose materie prime.

Il risultato sono calzature uniche al mondo, che vogliono diffondere un messaggio di forza e bellezza.

Possono essere acquistate nello shop on line www.legabrielle.com per essere indossate a ripetizione durante il lockdown obbligato, ma anche abbinate ai futuri outfit fuori casa.

Raffaella Manetta

Annunci

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*