Home / Gossip-News TV / Coronavirus: In Cina quasi l’80% dei contagi sono guariti, mentre il resto del mondo inizia ad adottare misure di sicurezza.

Coronavirus: In Cina quasi l’80% dei contagi sono guariti, mentre il resto del mondo inizia ad adottare misure di sicurezza.

In Cina c’è quasi l’80% delle guarigioni dei contagiati mentre il resto del mondo inizia ad attuare misure di sicurezza per prevenire il contagio da Coronavirus.

Pubblicità





I contagiati del Coronavirus nel mondo sono 128.343  secondo la Johns Hopkins University. Il Covid-19 ha fatto 4.720 persone da quando è stato individuato lo scorso dicembre in Cina. Continua il bollettino dei contagiati. Molti sono i pazienti guariti, ma l’epidemia non si ferma. Il virus ha raggiunto anche il Canada, la moglie del premier canadese Justin Trudeau è positiva. E intanto vengono cancellati voli e chiusi aeroporti in tutto il mondo.

Dalla Cina e dalla Corea del Sud arrivano buone notizie. La Cina nel bollettino relativo alla giornata di ieri con nuovi minimi assoluti ha annunciato appena 8 nuovi casi registrati e 7 decessi di cui 6 fanno capo alla provincia di Hubei, epicentro dell’epidemia che portano il totale a 3.176. I pazienti dimessi sono 1.318 che portano le guarigioni complessive a 64.111, pari a quasi l’80% degli 80.813 contagi finora accertati. Per quanto riguarda la Corea del Sud ci sono state più guarigioni che contagi che sono a quota 110.

I contagi negli Stati Uniti sono a quota oltre 1600 mentre i decessi sono a quota 41, l’ultimo è un uomo di 70 anni del Kansas, deceduto in ospedale. Risultato positivo è anche un pilota dell’ America Airlines che era di base a Dallas in Texas. La lobby delle armi americane, National Rifle Association ha deciso di annullare l’assemblea annuale prevista in Tennessee.

Alberto Fernandez, Presidente argentino ha annunciato di aver firmato un decreto dove dispone la sospensione per 30 giorni dei voli verso l’Argentina da Paesi a rischio coronavirus, fra cui Usa, Europa, Cina, Iran, Giappone e Corea del Sud. Il Presidente ha affermato che le misure partiranno da martedì e fino ad allora, le compagnie aeree potranno permettere il ritorno dei cittadini nei loro Paesi di residenza. Il decreto del Presidente argentino obbliga a 14 giorni di quarantena e sono previste severe sanzioni penali per i trasgressori eper coloro che rientrino nel Paese dopo aver visitato uno dei Paesi a rischio.

Jeanine Anez, Presidente della Bolivia ha sospeso a partire da sabato dei voli da e per l’Europa. Tra le altre misure adottate dal governo, vi sono anche il minuzioso controllo sanitario sulla base dei criteri dell’Organizzazione mondiale della Sanità di tutte le persone che entrino in Bolivia attraverso i posti di confine o gli aeroporti, poi verrà effettuata la chiusura da oggi delle scuole di ogni ordine e grado, fino al 31 marzo. Il Presidente Anez ha concluso: “È proibita la realizzazione di eventi pubblici di massa con la partecipazione di più di 1.000 persone, quali concerti di musica, eventi culturali e altri simili”. In Bolivia  sono presenti tre casi di contagio da Covid-19.

La Gemania ha deciso di adottare misure sempre più severe per contenere il contagio. Il sindaco Michael Mueller ha dichiarato che le scuole e gli asili infantili di Berlino verranno chiusi dalla prossima settimana, ma progressivamente, mentre in Baviera le scuole di ogni ordine e grado resteranno chiuse dal 16 marzo al 6 aprile.

Condividi:

About Roberto Patriarca

Check Also

Temptation Island: Antonella Elia chiede il falò già dalla prima puntata.

Antonella Elia chiede il falò di confronto, già dalla prima puntata di  Temptation Island che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *