Home / Moda / Giò Max Ponti porta il made in Italy ai Caraibi

Giò Max Ponti porta il made in Italy ai Caraibi

Giovanni Massimo Ponticello porta il Made in Italy ai Caraibi

Il Made in Italy da diversi anni è sbarcato ai Caraibi. L’imprenditore veneto Giovanni Massimiliano Ponticello, ci racconta della realizzazione del suo ristorante e dei nuovi progetti, cui sta lavorando. 

Pubblicità





Ci parli del suo progetto imprenditoriale in Repubblica Domenicana?

Ho sempre sognato di aprire un ristorante a forma di castelletto. Il pallino della ristorazione da sempre suscita un grande fascino su di me, così nel 2014, ho avviato in località La Romana l’inizio e la realizzazione del mio sogno, cui ho dato nome: EL CASTILLO“. 

A oggi com’è cresciuta la sua attività?

sws5zhp5j0ovbw29720200905104832

Sono orgoglioso di poter affermare di aver portato il Made in Italy, ai Caraibi. A oggi, il ristorante è molto apprezzato per la qualità dei suoi piatti e del servizio. Impieghiamo solo materie prime 100% italiane e abbiamo qualche camera per chi vuole fermarsi“. 

Settembre, il mese della ripartenza del mondo del lavoro, qual è il suo prossimo progetto?

“Sto lavorando sulla pianta della lavanda. Nello specifico insieme a un team di specialisti, stiamo studiando a come importare e piantare interi campi di lavanda nella Repubblica Domenicana. È un bellissimo e complesso progetto, che spero di realizzare con il nuovo anno“. 

Dove nasce la sua passione per la sperimentazione e le nuove tecnologie?

Credo molto nella sperimentazione e nella potenzialità della rete. Sono affascinato dal mondo social e dall’interattività delle applicazioni; soprattutto ogni cosa che è nuova da sempre desta in me interesse, sono un curioso per natura ed è una delle carte vincenti per la riuscita dei miei progetti“. 

Condividi:

About Bollicine Vip

Check Also

Milano Fashion Week _ Gossip News Italia

Milano Fashion Week: le novità di settembre

Camera Nazionale della Moda Italiana prevede, per la Milano Fashion Week di settembre, ben 23 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *