Gossip News Italia

Laura Chiatti nel mirino dei social per troppa magrezza

Condividi:

La Chiatti sottolinea l’importanza del rispetto sui social

Laura Chiatti si lascia andare ad uno sfogo sui social, la moglie di Marco Bocci, è stata presa di mira da alcuni utenti, per ‘eccessiva magrezza’.

La donna si è risentita dopo un selfie su instagram, dove alcuni utenti hanno pensato di scriverle il parere sul suo fisico: troppo magra, altri hanno ipotizzato soffra di anoressia o comunque disturbi alimentari, a questo punto Laura ha deciso di rispondere a queste presunte accuse.

La chiatti ha scritto che questi commenti possono essere definiti body shaming, sottolineando di non soffrire di disturbi alimentari, e rimarcando la mancanza di rispetto, trovando alcune frasi molto pericolose per la sensibilità dell’individuo.
La Chiatti scrive: “Io non me la prendo rispetto ad un giudizio con il quale non concordo. Me la prendo perché l’anoressia è una malattia molto seria che fortunatamente non ho mai dovuto affrontare nelle vita. Ma che molte persone combattono per vincerla. È vergognoso che questo non entri nei cervelli, evidentemente mediocri di persone che per invidia arrivano a toccare questo tema ogni volta, davanti a foto di un personaggio pubblico quale sono. Che può essere giudicato ma non verbalmente abusato, ferendo più che altro chi di questa malattia soffre davvero, più che me che sono abituata ad essere criticata e che come puoi vedere, me ne fotto altamente di ciò che al prossimo non piace di me. Tutto chiaro?”.

Inoltre la donna ha spiegato di aver perso peso a causa di alcune allergie alimentari, e a questo punto si è appoggiata ad un nutrizionista esperto, questo capitava un anno fa. Ad oggi sembra che la stessa situazione sgradevole sui social si sia ripresentata, Laura non ha aspettato per chiarire il concetto che essere un personaggio pubblico per lei non significa dover subire ogni attacco esterno.

Condividi:

Clicca play per ascoltare Radio Gossip News Italia

www.radiogossipnewsitalia.it

Lascia una risposta