Gossip News Italia

Loïs l’essenza dell’eleganza

Condividi:
Tempo di lettura: 5 minuti

Elogio della lentezza e del savoir faire per un guardaroba ed uno stile a misura di donna. Per questa collezione la donna Loïs non resiste al vestirsi di concetti che vanno oltre la mera tentazione di indossare abiti all’ultima moda.

Loïs ci porta nelle atmosfere sartoriali per un nuovo slow fashion consapevole e senza tempo dove le atmosfere teatrali si mischiano a vari concetti temporali saltando dal Vittoriano al Gothic Lolita, allo Sweet Lolita, passando per lo sreet style contemporaneo con un certo sapore anni 80’.LOÏS l’essenza dell’eleganza

Pubblicità





Ogni ricamo è minuziosamente disegnato e scrupolosamente cucito. Tornare all’artigianato, alle tradizioni ormai perse, per donare caratteristiche significative ad un capo. Studio di maniche a palloncino che si avvicendano a spalline esagerate. Tessuti elastici che si adattano al corpo come guanti.

 

Dettagli di pizzi e veli che sottolineano una femminilità chiara che si può percepire in ogni singolo capo della collezione. Loïs ha una mise stravagante, con un che di Gotico. Uno stile dove il Punk e il romanticismo, passando per l’assoluta femminilità, potessero confondersi in una reale armonia.

La collezione LOÏS

ABITO HASU in tessuto scusa con colletto e maniche a sbuffo. Fondo in pizzo. Euro 320

CAMICIA HASU sartoriale da smoking con maniche a palloncino. In organza tripla, plastron con dettaglio macramè e bottoni gioiello sui polsini. Euro 220

PULLOVER EVANTHE cropped in maglia effetto pelo con collo alto e spalline imbottite. Dettaglio croce sul davanti. Euro 180

LOÏS l’essenza dell’eleganza

PANTALONI DAFNE palazzo in crepe vita alta. Euro 200

GIACCA ZAHIR in jeans consumed by hand con pelliccia eco a contrasto. Tessuto trapuntato all’interno e ricamo di pietre su maniche e collo alto in neoprene. Euro 350

CAPPOTTO KIELE a quadri in pura lana. Modelo blazer doppiopetto con maniche a sbuffo. Euro 300

GONNA GEMMA a quadri con rouche asimmetrica sul fondo. Euro 200

La deigner LOÏS: Matilde Di Pumpo

Matilde studia e si diploma allo IED di Roma nel 2009. E dopo qualche anno di gestazione, nel 2018 da alla luce la sua creatura LOÏS. Una fanciulla nata dai suoi sogni, la dea sempre immaginata e de-siderata sinLOÏS l’essenza dell’eleganza da bambina che rivoluzionasse il suo modo di essere donna e di par-lare alle donne.

La sartoria, lo studio di modalità di lavorazione dei tessuti rubate alla tradi-zione, lo sviluppo dei pezzi e dei materiali zero waste, cioè senza spreco, la ricerca e l’approfondimento sono gli strumenti di Matilde per il riuso creativo dei capi per renderli nuovi e più belli di prima.

 

“La mia progettazione è divisa oggi in tre tipolo-gie contornate tutte da un’attenta lavorazione sartoriale.

1) Dare ad uno stesso tessuto diverse sfaccettature tramite colorazioni. Questa è un’idea che nasce dal bisogno di avere a disposizione più tessuti poiché nel posto in cui vivo non è semplice poter fare una ricerca completa utile alla creazione e realizzazione di una collezione;

2) Utilizzo del neoprene nella vita quotidiana. I colori del mare, gli odori e le sensazioni, viaggiano sempre nei miei pensieri e voglio cristallizzarli proprio utilizzando questo materiale;

3) Upcycling che nasce dal pensiero e dalla volontà di riutilizzare ciò che già esiste per creare qualcosa di nuovo e inaspettato” – designer Matilde Di Pumpo.

Il suo consiglio eco-fashion?

“Scegli bene per comprare meglio. Comincia la ri-voluzione dal tuo armadio, riusa e riadatta i tuo capi e quelli ereditati dal guardaroba della nonna”. Scegliere cosa acquistiamo ha il potere di cambiare il mondo. La moda ha costi umani e ambientali che non possiamo più ignorare.

 

Condividi:

Lascia una risposta