Gossip News Italia

Paola Iezzi e Myss Keta, il nuovo singolo è “Ltm”

Condividi:
Tempo di lettura: 3 minuti

L’ex Paola & Chiara torna a collaborare con l’artista più hot del momento

Pubblicità





Giovedì 9 gennaio è arrivato come un fulmine a ciel sereno “Ltm”, il brano firmato da Paola Iezzi e Myss Keta. Le due tornano a collaborare dopo aver cantato insieme sul palco del Pride di Bologna in qualità di madrine della manifestazione e dopo che Paola aveva preso parte come ospite al video di “Le ragazze di Porta Venezia – The Manifesto” di Myss Keta. Una collaborazione che è diventata amicizia, nel segno di un “girl power” che caratterizza ormai entrambe.

Chiuso nel 2013 il progetto Paola & Chiara (a parte una fugace reunion nella scorsa primavera), Paola Iezzi ha cercato negli anni con fatica di trovare la sua strada da solista, tra singoli, talent show e partecipazioni ai progetti più disparati. Pur avendo dato alle stampe svariati singoli ed ep in una carriera da solista iniziata ormai oltre dieci anni fa, non è mai arrivata alla realizzazione di un vero e proprio full lenght, eccezion fatta per “A Merry Little Christmas”, disco di canzoni natalizie inciso nel 2017 e poi di nuovo nel 2018 e nel 2019 in nuove versioni. L’ultimo lavoro prima di questo nuovo brano con Myss Keta era stato “Gli occhi del perdono”, ep di sei tracce pubblicato lo scorso giugno, con il brano omonimo scritto insieme ad Andro dei Negramaro lanciato come singolo.

Il testo della canzone parla essenzialmente di emancipazione femminile. Utilizzando l’espediente dell’ironia e la figura della “mamma” come metafora, Paola e Myss Keta in verità parlano della donna di oggi e della donna del futuro. Una donna che non ha più paura dei propri “poteri”, della propria femminilità e avvenenza e delle proprie ambizioni. Non teme di essere sfrontata né di dichiarare al mondo ciò che esattamente è o desidera diventare. E’ una donna capace, intelligente, che ha gli stessi identici diritti dell’uomo. Perfino quello di innamorarsi, invaghirsi o semplicemente desiderare un uomo più giovane di lei, senza timore di essere giudicata da una società vetusta ancora ancorata ad un’idea superata della femminilità.

Condividi:

Lascia una risposta