Gossip News Italia

Alessandro Borghese racconta: “Sto male, piango in silenzio”

Condividi:

Lo chef e personaggio televisivo Alessandro Borghese parla della sua esperienza avuta, dopo aver contratto il Covid.

Alessandro Borghese racconta: "Sto male, piango in silenzio"

Alessandro Borghese, attualmente è guarito dal Covid-19, ma ha deciso di raccontare la sua esperienza durante la malattia. Il conduttore di Alessandro Borghese – 4 Ristoranti, definisce in un podcast che Il Corriere della Sera, ha pubblicato in anteprima, il periodo in cui ha avuto il virus, ripercorrendo i giorni in cui ha avuto i sintomi, fortunatamente, non gravi, ma che gli sono bastati ad abbatterlo emotivamente: “Un viaggio all’inferno”, è così che Borghese definisce il periodo in cui ha avuto il virus.

Alessandro Borghese racconta: "Sto male, piango in silenzio"

“Ho sete. Voglio quella bottiglia d’acqua, ma non riesco ad aprirla: mi fa male la schiena, il braccio, la mano, le dita, la lingua. Non ci riesco. Sono sempre solo. Chiuso su questo piano, l’ultimo di casa, quello dedicato proprio alle mie bimbe… quanto mi mancano. Sto male. Piango in silenzio, questa solitudine è il male. Voglio mia moglie. Voglio abbracciare le mie bambine, respirarle. Che giorno è? Decimo, mi conferma il dottore, che quotidianamente mi visita, è la febbre è andata via”, afferma Alessandro Borghese, ripensando anche alla lontananza dalla sua famiglia, dalla moglie Wilma Oliverio e dalle figlie Alexandra e Arizona, provando un forte senso di solitudine, ma lo chef parla anche di alcuni sintomi come la perdita del gusto e dell’olfatto e anche dei forti dolori che ha avuto.

Alessandro Borghese racconta: "Sto male, piango in silenzio"

Alessandro Borghese, continua raccontando ciò che ha passato nel periodo in cui ha contratto il virus: “Il gusto deve essere allenato ed educato per dire di conoscerlo appieno e poterci fare affidamento. Il Covid-19 me l’ha tolto di colpo… Pam, così!”, riferendosi ai tipici sintomi della malattia che in quei giorni hanno annullato olfatto e gusto, sensi che per uno chef sono importantissimi. “Anni di viaggi, di erbe spontanee, di frutta, di verdura, di pesce, di carne, in giro per il mondo, nelle vigne ad assaggiare il vino… Dov’è finito l’olfatto? Ho capito sono all’Inferno e questa è la mia pena del contrappasso. Ora devo solo scoprire in che girone sono finito, e come uscirne!” ha continuato Alessandro Borghese, paragonando il tutto ad una punizione dantesca. Fortunatamente Borghese adesso è guarito e sta meglio, ma ha affrontato momenti di shock, sentendosi privato di quei sensi che caratterizzano la sua professione e lui come persona.

Condividi:

Clicca play per ascoltare Radio Gossip News Italia

www.radiogossipnewsitalia.it

Lascia una risposta